Le Nazioni Unite pianificano nuovi gruppi di lavoro con lo scopo del disarmo nucleare

 di Thalif Deen

NAZIONI UNITE (IPS) - Sullo sfondo di un potenziale confronto militare tra due grandi potenze nucleari del mondo - gli Stati Uniti e Russia - le Nazioni Unite stanno facendo dei passi significativi verso un obiettivo finora impossibile: il disarmo nucleare.

L'Assemblea Generale, composta da 193 membri, attraverso la sua commissione per il disarmo e sicurezza internazionale (nota anche come il Primo Comitato), dovrebbe istituire un gruppo di lavoro a tempo indeterminato - o forse due gruppi - per deliberare o negoziare su misure efficaci per il disarmo nucleare.

Una delle bozze di risoluzione, attualmente in circolazione, chiede al Gruppo di Lavoro di riunirsi a Ginevra nel 2016, come un organo sussidiario dell'Assemblea Generale e con un proprio regolamento interno.

Il gruppo di lavoro dovrebbe presentare una relazione, che riflette i negoziati e le proprie raccomandazioni, all'Assemblea Generale nella sua 71° sessione nel mese di settembre del prossimo anno.

Questa bozza di risoluzione, sponsorizzata dal Messico, ha diversi co-sponsor, tra cui Austria, Brasile, Cile, Costa Rica, Ghana, Liechtenstein, Irlanda, Malta, Nigeria, Filippine e Sudafrica.

Una seconda bozza di risoluzione, sponsorizzata dall'Iran, invita un secondo gruppo di lavoro a trasmettere la sua relazione al livello elevato della conferenza internazionale delle Nazioni Unite sul disarmo nucleare che si terrà entro e non oltre il 2018, e alla Conferenza sul Disarmo e alla Commissione per il Disarmo.

John Burroughs, direttore esecutivo del comitato degli avvocati di New York sulla politica nucleare, ha detto all'IPS: "Le risoluzioni più rilevanti sono ancora in fase di negoziazione."

Questo sviluppo, ha detto, si basa sullo slancio creato dal gruppo di lavoro aperto del 2013 nello sviluppare proposte per i negoziati multilaterali; le conferenze 2013 e 2014 sugli impatti umanitari delle armi nucleari a Oslo, Nayarit, e Vienna; e la bozza del documento finale della Conferenza di Revisione del TNP del maggio 2015.

"Indipendentemente dai risultati a breve termine di un nuovo gruppo di lavoro, il suo funzionamento sarebbe sicuramente positivo perché manterrebbe lo slancio nel creare un'apertura per ulteriori iniziative."

Gli Stati Uniti, ha sottolineato, hanno spostato la propria posizione dall'opposizione al gruppo di lavoro del 2013, dicendo che avrebbero sostenuto un nuovo gruppo di lavoro, anche se insistono su una procedura basata sul consenso e dicono che un gruppo di lavoro deve esaminare tutte le misure efficaci (ad esempio la verifica) per il disarmo nucleare e non negoziare le misure legali.

Quali altri membri del gruppo dei Cinque Permanenti - tra cui la Gran Bretagna, la Francia, la Cina e la Russia - uscirà, resta da vedere, ha aggiunto.

"Ma il cambio di rotta degli Stati Uniti è un segno che l'ambiente sta cambiando per il meglio", ha detto Burroughs, che è anche direttore dell'Ufficio delle Nazioni Unite dell'Associazione Internazionale degli Avvocati contro le armi nucleari.

Jackie Cabasso, direttore esecutivo della Fondazione Legale Western States, uno dei più convinti sostenitori del disarmo nucleare, ha detto all'IPS che tutte le risoluzioni trasmesse dalla Commissione per il Disarmo e la Sicurezza Internazionale sono prevalentemente adottate ogni anno dall'Assemblea Generale, e questa azione non è vincolata al consenso.

Quest'anno, ha sottolineato, l'Assemblea Generale dovrebbe creare un gruppo di lavoro aperto (aperto a tutti i 193 Stati membri) che lavori per portare avanti proposte per attuare il disarmo nucleare.

Ha detto che una dichiarazione del 21 ottobre da una coalizione di oltre 135 organizzazioni non governative (ONG) provenienti da 19 paesi lancia un messaggio inequivocabile: "Chiediamo agli stati (membri) di fermare le scaramucce mentre Roma brucia."

In una dichiarazione approvata dalle 135 organizzazioni, Cabasso ha detto alla Prima Commissione che i paesi dotati di armi nucleari stanno arrivando sempre più vicino a dirigere un confronto militare nelle zone di conflitto in tutto il mondo, dall'Ucraina alla Siria al Medio Oriente e fino al Pacifico occidentale.

"Il pericolo di una guerra nucleare è di nuovo in crescita su una scala espressa in mesi o anni", ha detto.

E coloro che governano negli stati dotati di armi nucleari appaiono tranquilli nell'avvicinarsi ad disarmo su una scala di tempo misurato in generazioni - e non mostrano alcun interesse a riavviare il compito nel breve periodo.

La coalizione che ha approvato la dichiarazione include l'Azione Globale per Prevenire la Guerra, l'Ufficio Internazionale per la Pace, l'organizzazione internazione dei Medici per la Prevenzione della Guerra Nucleare, il Soka Gakkai Internazionale, la Lega Internazionale delle Donne per la Pace e la Libertà, il Progetto Ploughshares, l'Associazione Internazionale degli Avvocati contro le Armi Nucleari, il Movimento per il disarmo israeliano, il Consiglio per la Pace Svedese, l'Istituto Acronimo per la Diplomazia del Disarmo, il CODICE ROSA, la Fondazione Legale Western States e il Comitato di Avvocati per la Politica Nucleare, tra gli altri.

Aaron Tovish, Direttore Internazionale della Campagna 2020 Vision, e Sindaci per la Pace, ha detto all'IPS: "Dato il continuo abuso della regola del consenso in seno alla Conferenza sul Disarmo, già nel 2006, i Sindaci per la Pace hanno iniziato a promuovere la creazione di un gruppo di lavoro che opererebbe secondo le regole della Procedura dell'Assemblea Generale dell'ONU."

Ha detto che il gruppo di lavoro aperto 2013 sull'"Assunzione di negoziati multilaterali in avanti sul disarmo nucleare" è stato un successo, anche se troppo breve.

"È più opportuno rilanciare il Gruppo di Lavoro con un mandato più forte."

"Non vedo nulla di male ad avere dei gruppi di lavoro che si terranno sia a Ginevra che a New York l'anno prossimo. Ogni luogo ha punti di forza e di debolezza, così quelli disposti a lavorare per il disarmo nucleare, in buona fede, devono essere disposti a contribuire in entrambe le sedi", ha aggiunto.

Tovish ha anche detto: "Siamo solo all'inizio della strada per ottenere negoziati a pieno titolo (sulla creazione di un Mondo senza Armi Nucleari), quindi è troppo presto per giudicare quale strada da seguire sarà più produttiva. È concepibile che una buona divisione del lavoro potrebbe essere pattuita per due (o più) forum."

Nella sua dichiarazione, redatta da Andrew Lichterman a nome della coalizione, Cabasso ha detto: "Nessuna quantità di tentennamenti con l'apparato del disarmo può trasformarlo in un veicolo per il progresso del disarmo quando quelli al posto di guida non hanno alcuna intenzione di andare avanti."

Ha detto che il nuovo ciclo di conflitti e scontri, e la ripresa della corsa alle armi, sono guidati da coloro che hanno il potere di plasmare la politica negli stati dotati di armi nucleari.

"La responsabilità principale per la continua piaga della guerra industrializzata è da additarsi a tutti i complessi militari-industriali e le élite nazionali di sicurezza dello stato al vertice del sistema della guerra globale, e quelli negli Stati Uniti prima di tutto."

Cabasso ha detto che gli stati dotati di armi nucleari rappresentano i tre quarti delle esportazioni mondiali di armi; gli Stati Uniti e la Russia insieme valgono oltre la metà.

Forniscono i tipi di armi che si trasformano i conflitti locali a bassa intensità in guerre su scala industriale che frammentano le società, distruggono le infrastrutture vitali, e destabilizzano intere regioni.

Ha detto che queste catastrofi umane vengono utilizzate per giustificare distinti interventi armati che sollevano la posta in gioco ancora più in alto, con i militari dotati di armi nucleari operanti nei posti vicini in scontri che potrebbero facilmente finire fuori controllo.

Una piccola frazione dell'umanità trae beneficio nel breve periodo da queste competizioni per grandi poste in gioco; tutti noi ne subiamo il rischio, ha dichiarato. (IPS | 28 ottobre 2015)