Reporting the underreported threat of nuclear weapens and efforts by those striving for a nuclear free world.

A project of The Non-Profit International Press Syndicate Group with IDN as flagship agency in partnership with Soka Gakkai International in consultative
status 
with ECOSOC.

 

Ritiro degli Stati Uniti dall'Accordo sul Nucleare Iraniano lascia un'eredità sconcertante

Di Bernhard Schell

ISTANBUL (IDN) — L'Iran è stato respinto per l'annuncio del 5 gennaio che non avrebbe più rispettato alcune "restrizioni operative" sull'arricchimento dell'uranio nell'accordo nucleare, formalmente noto come il Piano d'azione comune congiunto o JCPOA. La dichiarazione ha anche sollevato dubbi circa le attività e le intenzioni del regime e il destino dell'accordo nucleare.

"Queste domande sono meglio comprese nel contesto della struttura del JCPOA, un accordo basato sull'impegno dell'Iran che le sue attività nucleari sarebbero esclusivamente pacifiche", afferma Ernest J. Moniz, copresidente e amministratore delegato dell' Iniziativa per le minacce nucleari (NTI).

In una domanda e risposta, spiega: "In primo luogo, l'Iran ha restrizioni mordaci per le sue attività nucleari, alcune a tempo limitato e altre in perpetuo. In secondo luogo, e ancora più importante, l'Iran è soggetto a un regime di verifica globale unico, con gli ispettori internazionali dotati di capacità disponibili per loro da nessun'altra parte ".

Moniz confuta l'opinione diffusa secondo cui l'annuncio dell'Iran era una risposta all'uccisione del generale iraniano Qasem Soleimani. "I tempi erano coincidenti con l'uccisione di Soleimani. Nel maggio 2019, un anno dopo che gli Stati Uniti si erano ritirati unilateralmente dal JCPOA, il presidente Hassan Rouhani ha annunciato che l'Iran avrebbe iniziato a ritirarsi da alcuni dei suoi impegni e avrebbe annunciato ulteriori passi dall'accordo ogni 60 giorni, a meno che i restanti partner JCPOA non fossero stati consegnati sollievo alle sanzioni promesse ".

Il copresidente della NTI aggiunge: "L'Iran ha ritenuto" insufficienti "le successive misure intraprese dai paesi E3 / UE - Francia, Germania, Gran Bretagna e Unione europea. Il suo "quinto e ultimo annuncio" è arrivato il 5 gennaio, come previsto. "

Esorta la comunità internazionale a lavorare per rinvigorire la diplomazia per affrontare la sfida nucleare iraniana. Recenti azioni di Gran Bretagna, Francia e Germania per attivare il "meccanismo di risoluzione delle controversie" potrebbero servire a questo scopo, "ha affermato che" è una scommessa rischiosa ".

Altri esperti iraniani condividono questa opinione. "Attivando il meccanismo di risoluzione delle controversie dell'accordo con l'Iran, Germania, Francia e Regno Unito sperano di riportare le parti al tavolo dei negoziati, ma potrebbero invece intensificarsi", sostiene il editorialista e analista di politica estera sull'Iran e il Medio Oriente, Saheb Sadeghi, scrivendo in Foreign Policy.

"Come minimo, sarà necessario che gli Stati Uniti lavorino con i nostri alleati europei, così come la Russia e la Cina, per spingere l'Iran a non espandere ulteriormente il suo programma nucleare. Indipendentemente dal fatto che il JCPOA sopravviva o meno, gli elementi chiave dell'accordo dovrebbero rimanere importanti pietre miliari per qualsiasi accordo futuro: restrizioni ben definite sulle attività del ciclo del combustibile nucleare iraniano per un periodo significativo, abbinate al più alto livello possibile di monitoraggio e verifica internazionali ", dice il CEO di NTI.

Accentuando un altro aspetto cruciale, il capo della politica estera europea Josep Borrell ha affermato che l'Europa deve garantire i benefici dell'Iran dall'accordo nucleare se vuole che l'accordo sopravviva. "Se vogliamo che l'accordo sul nucleare iraniano sopravviva, dobbiamo assicurarci che l'Iran tragga beneficio se tornerà alla piena conformità", ha scritto in un articolo del Project Syndicate pubblicato l'8 febbraio.

Borrell, un socialista spagnolo, è stato informato a gennaio da Parigi, Londra e Berlino di aver implementato il meccanismo delle controversie. Ha affermato che l'UE estenderà indefinitamente il limite di tempo per risolvere le controversie nell'accordo nucleare per evitare di dover andare al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite o innescare nuove sanzioni.

"Vi è accordo sul fatto che è necessario più tempo a causa della complessità dei problemi coinvolti. Il calendario è quindi esteso ", ha dichiarato Borrell in una dichiarazione del 24 gennaio.

Nell'incontro con Borrell a Teheran il 3 febbraio, il presidente Rouhani ha criticato l'UE per non aver rispettato i suoi impegni dopo che gli Stati Uniti hanno abbandonato l'accordo e hanno ripristinato le sanzioni contro l'Iran. Tuttavia, Rouhani ha dichiarato: "La Repubblica islamica dell'Iran è ancora pronta a collaborare con l'Unione europea per risolvere i problemi e in qualsiasi momento in cui l'altra parte (UE) osserva pienamente i suoi impegni, l'Iran tornerà anche ai suoi impegni".

Nel maggio 2019 l'Iran ha iniziato a ridurre i suoi impegni nei confronti del PACG a intervalli bimestrali in risposta all'abrogazione del patto da parte degli Stati Uniti unita all'inerzia dell'Unione europea per proteggere l'economia iraniana dalle sanzioni repressive.

Anna Sauerbrey osserva in un editopriale del New York Times del 10 febbraio che lo strumento a sostegno degli scambi commerciali (INSTEX) istituito da Germania, Francia e Gran Bretagna a gennaio 2019 "è un esempio lampante dell'inutilità della lotta europea per la strategia autonomia dagli Stati Uniti ".

Da quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è ritirato dal JCPOA nel maggio 2018, "i paesi europei hanno faticato a trovare una risposta adeguata". Ma invano. Perché l'enorme impatto delle sanzioni secondarie americane non deriva solo dal potere di mercato degli Stati Uniti, ma anche dal potere del dollaro e dalla "capacità dell'America di controllare legalmente o fattualmente i sistemi di transazione finanziaria".

Sauerbrey cita David Jalilvand, un esperto di politica estera che gestisce Orient Matters, una società di consulenza politica ed economica con sede a Berlino specializzata in Medio Oriente: "A un certo livello, quasi tutte le società hanno una sorta di connessione con gli Stati Uniti"

Anche se una società non opera sul mercato statunitense, né la sua banca, né una delle sue compagnie assicurative o una delle compagnie di riassicurazione che sostengono le loro compagnie assicurative. "Di conseguenza, anche le aziende che non operano sul mercato americano sono interessate".

"Una chiave, quindi, affinché l'Europa ottenga" autonomia strategica "nelle relazioni internazionali", continua Sauerbrey, "sta ottenendo la capacità di transazioni finanziarie indipendenti".

Teheran ha chiarito nei suoi annunci che sta prendendo provvedimenti pur rimanendo "all'interno dell'accordo", per smettere di eseguire "in parte" determinati impegni relativi agli accordi nucleari. L'Iran ha dichiarato che i passaggi potrebbero essere invertiti. Sebbene non possa mai "invertire" l'esperienza acquisita attraverso operazioni nucleari, l'Iran può rimuovere e smantellare le attrezzature e spedire o diluire il materiale.

Secondo il copresidente dell'ITC, "l'Iran ha finora continuato a rispettare un elemento chiave dell'accordo: le sue rigorose misure di verifica e monitoraggio, comprese le attività specifiche non nucleari necessarie allo sviluppo di armi nucleari. Se l'Iran decidesse di "rompere" l'accordo o di correre a costruire una bomba, il sistema di verifica fornirebbe un'indicazione tempestiva ".

Rapporti degli ispettori dell' Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) , che rimangono quotidianamente a terra, suggeriscono che l'Iran sta aumentando i suoi livelli di arricchimento, anche se solo minimamente, ma sta espandendo il lavoro su centrifughe a gas più efficienti. Ma la continua presenza dell'AIEA è interpretata nel senso che le stime del breakout del "caso peggiore", che richiederebbero all'Iran di utilizzare tutte le sue strutture e materiali noti, non possono aver luogo senza un immediato rilevamento da parte del cane da guardia nucleare delle Nazioni Unite.

Per quanto riguarda il plutonio, che può anche essere usato per costruire una bomba, sostiene Moniz, l'Iran sta rispettando i limiti dell'accordo nucleare che proibisce alle strutture di separare il plutonio e continua a cooperare con Cina e Gran Bretagna per modificare il suo progetto per un nuovo reattore di ricerca nucleare in modo che non produca materiale adatto per un'arma.

Il reattore atomico che stavano costruendo prima del JCPOA, che avrebbe prodotto abbastanza plutonio ogni anno per una o due bombe, è stato parzialmente distrutto, sottolinea il capo dell'NTI. [IDN-InDepthNews - 14 febbraio 2020]

Fonte immagine: Forum IAS.