Le comunità religiose sollecitano la conferenza di Ginevra a preparare il cammino verso un mondo libero dalle armi nucleari

di Jamshed Baruah

Fonte della foto: LankaNewsWeb.

GINEVRA (IDN) – Diverse organizzazioni religiose e privati cittadini fanno appello agli Stati riunitisi all'ONU in Ginevra per risparmiare il mondo da una catastrofe nucleare e promuovere lo sviluppo sostenibile per il bene dell'umanità, affermando imperativi morali ed etici.

Venti gruppi e individui di diverse fedi, tra cui quelle di tradizione cristiana, quacchera, musulmana e indù e Soka Gakkai International (SGI) hanno proposto una dichiarazione interreligiosa, il 25 aprile, come uno degli interventi della società civile durante la seconda sessione del comitato preparatorio per il 2020 NPT della Conferenza di revisione presso l'ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra.

La dichiarazione congiunta, letta da Hayley Ramsay-Jones della SGI per conto delle comunità religiose preoccupate per le armi nucleari, chiede "risultati concreti e misurabili" in linea con tutti gli elementi del Trattato sulla non proliferazione delle armi nucleari (TNP) e "verso la condivisione dell'obiettivo di un mondo libero dalle armi nucleari ", che porta alla Conferenza di riesame del 2020. L'organizzazione buddista laica SGI è impegnata negli sforzi per promuovere l'abolizione delle armi nucleari da oltre sessant'anni.

I sostenitori della dichiarazione congiunta richiamano alla mente le catastrofiche conseguenze umanitarie delle bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki nel 1945. "Da allora, l'umanità è stata costretta a vivere all'ombra di una distruzione apocalittica", recita la dichiarazione congiunta e avverte: "Qualsiasi uso di armi nucleari non solo distruggerebbe i frutti passati della civiltà umana, ma sfigurerebbe il presente per consegnare alle future generazioni il più faticoso dei destini. "

Come persone di fede, i sostenitori della dichiarazione congiunta, difendono il diritto di tutte le persone a vivere in sicurezza e dignità, cercando di prestare attenzione agli ordini della coscienza e alla chiamata alla giustizia, e sono uniti nella determinazione di proteggere i più deboli ed ad esercitare questo compito che salvaguarderà la Terra per le generazioni presenti e future.

La dichiarazione prosegue dicendo: "Le armi nucleari violano profondamente tutti questi valori ed impegni. Non potremmo mai accettare una concezione della sicurezza che privilegi le preoccupazioni di uno stato o nazione qualsiasi sul bene dell'umanità e del mondo intero. L'orribile distruttività delle armi nucleari rende la loro abolizione l'unica via per un'autentica sicurezza umana ".

Come persone di fede, le diverse organizzazioni e gli individui privati esortano gli Stati riuniti all'ONU a Ginevra fino al 4 maggio 2018 a:

- Prestare ascolto alle voci del mondo “hibakusha” (le vittime delle armi nucleari) ed a riprendere l'inequivocabile impegno di raggiungere e mantenere un mondo senza armi nucleari, osservando che la giustificazione fondamentale del trattato sul divieto di armi nucleari (TPNW) è la prevenzione delle catastrofiche conseguenze umanitarie di qualsiasi uso di tali armi. Il trattato è stato adottato da 122 stati nel luglio 2017

- Riconoscere che tutte le misure valide si rafforzano vicendevolmente e il progresso in ciascuna area sostiene il progresso nelle altre. L'entrata in vigore del TPNW; l'entrata in vigore del Comprehensive Test Ban Treaty (CTBT); l'arresto della produzione e l'eliminazione delle scorte mondiali di materiali fissili (FMT); lo smantellamento irreversibile dell'architettura globale della produzione di armi nucleari; la fine dei programmi progettati per aumentarne l'accuratezza, la versatilità e la diminuzione della soglia sull'uso delle armi nucleari. Prevenire una nuova corsa agli armamenti nucleari e l'eliminazione delle scorte di armi nucleari, tra le altre misure efficaci, sono impegni globali, pienamente compatibili e che contribuiscono alla realizzazione degli obiettivi e degli impegni del TNP.

- Riconoscere che esistono divieti fondamentali comuni al TNP e al TPNW come quelli contro il trasferimento di armi nucleari, contro l'assistenza di altri stati nell'acquisizione di armi nucleari, ecc., che possono essere sostenuti a prescindere dalla posizione di uno stato nei confronti del TPNW.

Alla luce di tutto ciò, la dichiarazione congiunta incoraggia tutti gli Stati "a impegnarsi in un dialogo costruttivo sul rafforzamento di tali divieti come un passo concreto e pratico verso l'adempimento dell'obbligo di tutti gli Stati parte del TNP di perseguire e concludere i negoziati che portano al disarmo nucleare."

Il significato di questa richiesta appassionata è sottolineato dal fatto che l'agenda del disarmo nucleare rimane in stallo. La posizione nucleare dell'amministrazione Trump fa riferimento a piani per la produzione di nuovi tipi di armi nucleari, compresi quelli che potrebbero abbassare la soglia per utilizzarle.

Tali azioni si contrappongono direttamente agli impegni presi nelle precedenti conferenze di revisione del TNP, afferma la dichiarazione congiunta, e aggiunge: "I piani di modernizzazione nucleare da soli sono destinati ad assorbire risorse su una scala che, reindirizzata, potrebbe far progredire notevolmente i progressi verso il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile: fornire le necessità di base, proteggere l'ambiente, migliorare la salute delle donne e delle bambine e le generazioni future e ridurre i rischi di guerre e tensioni in tutto il mondo ".

La dichiarazione letta durante la sessione del 23 aprile-4 maggio del PrepCom è la nona di questo genere dal 2014. Le Comunità religiose preoccupate per le armi nucleari hanno rilasciato precedenti dichiarazioni interreligiose in occasione di conferenze internazionali sulle conseguenze umanitarie delle armi nucleari dal 2014 al 2016. Le dichiarazioni sono state emesse anche durante il primo PrepCom a Vienna nel maggio 2017 e l'adozione del Trattato sul divieto di armi nucleari a New York nel luglio 2017.

Commentando la dichiarazione del 25 aprile, Jonathan Frerichs, rappresentante internazionale della Pax Christi, ha dichiarato: "Ora abbiamo l'opportunità di contribuire a far entrare in vigore il TPNW. Ogni firma e ogni ratifica del trattato approfondisce lo stigma e l'illegittimità che circonda le armi nucleari ".

Kazuo Ishiwatari, direttore esecutivo per la pace e le questioni globali di SGI, ha aggiunto: "Il ruolo delle comunità religiose è offrire alle persone l'opportunità di riflettere sui propri valori e modi di pensare. I cittadini devono essere disposti a prendere decisioni per garantire che la loro sicurezza nazionale non sia basata sulle armi nucleari ".

Ha anche presentato la dichiarazione ufficiale dello SGI all'ambasciatore Adam Bugajski di Polonia, presidente della seconda sessione del comitato preparatorio, il 25 aprile. L'Ambasciatore Bugajski ha espresso il suo apprezzamento per gli sforzi compiuti dalla società civile.

Poiché la seconda sessione del PrepCom è il primo luogo di dibattito e di deliberazione con la partecipazione di stati non nucleari, stati con armi nucleari e stati dipendenti dal nucleare dall'adozione del TPNW nel luglio 2017, la SGI ha invitato gli Stati parte a impegnarsi in un dialogo costruttivo ed a produrre risultati concreti in linea con l'obiettivo ultimo del TNP, di un mondo libero dalle armi nucleari, ed a continuare a prestare attenzione alle voci della società civile, in particolare quella del mondo hibakusha.

La Task Force del disarmo nucleare di All Souls; Anthony Donovan; Beverley Johnstone (Pax Christi International), Bruce Knotts, direttore dell'Ufficio delle Nazioni Unite, Universalista unitario; la Campagna cristiana per il disarmo nucleare; la Conferenza dei Superiori maggiori degli uomini; Ela Gandhi, Gandhi Development Trust; La rete di azione francescana e Hirotsugu Terasaki, direttore generale della pace e questioni globali, Soka Gakkai International.

La dichiarazione congiunta è stata anche approvata da: Malik Mujahid, Sound Vision; Ufficio Maryknoll per i temi di portata globale; Fellowship di pace musulmana, Gran Mufti emerito di Bosnia, Presidente, Congresso Mondiale della Bosnia-Erzegovina; Mustafa Ceric; PAX; Pax Christi Australia; Pax Christi International; Pax Christi USA; Associazione Universalista Unitaria; La United Methodist Church, General Board of Church and Society; e il Consiglio Mondiale delle Chiese. [IDN-InDepthNews - 27 aprile 2018]

Fonte della foto: LankaNewsWeb.

IDN is flagship agency of the International Press Syndicate.

facebook.com/IDN.GoingDeeper - twitter.com/InDepthNews

Search

Newsletter

Donate

We are a close partner of the Global Cooperation Council and request your support for continuing to raise international understanding with a view to prohibiting nuclear weapons.



Report & Newsletter

Toward a World Without Nuclear Weapons 2018

Newsletters April 2016-March 2018

Newsletter Archive 2009-2015

QR Code

QR-Code