From Tlatelolco to the UN Nuclear Weapon Ban Treaty - Italian

Da Tlatelolco sul Trattato sul divieto di armi nucleari delle Nazioni Unite

Punto di vista di Jorge Alberto López Lechuga

Jorge Alberto López Lechuga è responsabile della ricerca e della comunicazione dell'Agenzia per il divieto delle armi nucleari in America Latina e nei Caraibi (OPANAL). Le opinioni espresse in questo articolo non riflettono necessariamente quelle della OPANAL e dei suoi Stati membri.- Redazione

MESSICO (IDN) - Il 2 febbraio il governo degli Stati Uniti ha pubblicato il 2018 Nuclear Posture Review (NPR), che include la strategia per aumentare il ruolo delle armi nucleari nella sicurezza nazionale. L'NPR prende in considerazione la necessità di raddoppiare il budget militare dal 3% al 6,4% per modernizzare l'arsenale degli Stati Uniti. Ciò significherebbe un investimento di 1 trilione di dollari nei prossimi 30 anni. Afferma inoltre che espandere "le opzioni nucleari statunitensi in modo flessibile, per includere opzioni a basso rendimento, è ora importante per preservare una deterrenza credibile contro l'aggressione regionale", una strategia che innalzerà "il limite nucleare".

L’NPR menziona che includere armi nucleari a basso rendimento aumenterà la capacità di rispondere a un possibile attacco, anche non nucleare, e che "contribuirà a garantire che i potenziali avversari non percepiscano alcun vantaggio nella limitata escalation nucleare, rendendo meno probabile l'impiego del nucleare."

Il problema è che, finché aumenta la dipendenza dalle armi a basso rendimento, il loro impatto sarà percepito come più "tollerabile" e, di conseguenza, aumenterà la probabilità di usare armi nucleari. Anche così, quelle armi nucleari a basso rendimento sono molto più potenti di quelle usate nel 1945.

L’NPR afferma che "le condizioni di minaccia a livello globale sono notevolmente peggiorate dall’ultimo NPR del 2010". Aggiunge che esiste ora uno spettro "senza precedenti" e un "mix di minacce", tra cui: "serie minacce convenzionali, chimiche, biologiche, nucleari, spaziali e cibernetiche, nonché violenti attori non governativi". Secondo il documento, questi sviluppi "hanno prodotto un aumento dell'incertezza e del rischio", motivo per cui gli Stati Uniti devono definire la propria politica e strategia e avviare il "mantenimento" e la sostituzione delle proprie forze nucleari.

Non è difficile immaginare un mondo senza "incertezze", ma è impossibile raggiungerlo. In effetti, raggiungere un mondo senza incertezze è meno realistico di un mondo senza armi nucleari.

Se oggi esistono minacce "senza precedenti", minacce del XXI secolo, potrebbe essere peggiore affrontarle affidandosi a strategie del XX secolo, in particolare strategie che mettono in pericolo l'umanità. Se viviamo in un mondo con più minacce e incertezze, le armi nucleari non dovrebbero farne parte. La semplice esistenza di queste armi, indipendentemente da chi le possegga, è una minaccia per tutti, anche per i possessori delle armi stesse.

Tra le ipotesi di uso di armi nucleari, i paesi che le possiedono menzionano di solito la necessità di usarle qualora fosse in gioco l'esistenza dello Stato stesso, generalmente di fronte a possibili attacchi nucleari. L'NPR include più scenari, che renderebbero più permissibile l'uso di armi nucleari.

Naturalmente, il problema non è limitato all'arsenale degli Stati Uniti. Ci sono altri 8 paesi che possiedono armi nucleari e, poiché l'arsenale americano è probabilmente il più potente, non vi è alcuna garanzia che questi paesi non saranno incoraggiati ad aumentare le loro "opzioni nucleari" in risposta all'NPR del 2018.

L'idea che un mondo senza armi nucleari sia desiderabile ma non realistico, in questo momento, dipende ancora da noi. Tuttavia, alcuni paesi la pensano diversamente.

Il 14 febbraio 1967, 51 anni fa, i paesi dell'America latina e dei Caraibi si opposero a questo concetto e, attraverso il Trattato sul divieto delle armi nucleari in America Latina e nei Caraibi (Trattato di Tlatelolco), stabilirono un divieto legalmente vincolante di armi nucleari nella loro regione. [Il 14 febbraio 2018 ha segnato il 51° anniversario dell'apertura alla firma del Trattato di Tlatelolco.]

Il modello stabilito da Tlatelolco (Zona libera da armi nucleari) ebbe un tale successo che fu successivamente adottato da altre quattro regioni: il Pacifico del Sud Pacific (Trattato di Rarotonga); Asia Sudorientale (Trattato di Bangkok); Africa (Trattato di Pelindaba); Asia Centrale (Trattato sulla zona libera da armi nucleari dell’Asia Centrale); e Mongolia (lo stato di autodifesa senza armi nucleari del paese è stato riconosciuto a livello internazionale attraverso l'adozione della risoluzione 55/33S dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite). Al giorno d'oggi, ci sono 114 Stati parti e firmatari di trattati che istituiscono zone prive di armi nucleari.

Il 17 luglio 2017, presso le Nazioni Unite, 122 paesi hanno adottato il Trattato sul Divieto delle Armi Nucleari, aperto a tutti gli Stati per la firma. Il cosiddetto "Trattato sul divieto" proibisce, tra l'altro, di "Sviluppare, testare, produrre, costruire, ovvero acquisire, possedere o immagazzinare armi nucleari o altri ordigni esplosivi nucleari". Inoltre, proibisce anche di "Usare o minacciare l'uso di armi nucleari o altri ordigni esplosivi nucleari".

Il trattato entrerà in vigore quando 50 paesi lo ratificheranno. Dall'apertura alla firma del trattato, il 20 settembre 2017, cinque Stati hanno ratificato lo strumento. Questo potrebbe essere considerato negativo, ma ricordiamo che 122 paesi, il 63% degli aderenti all'ONU, hanno votato a favore della sua adozione. Quindi, potremmo dire che la maggioranza dei paesi pensa che l’idea di un mondo senza armi nucleari debba essere portata avanti.

Non sorprende che i possessori di armi nucleari e i loro alleati si oppongano al Trattato sul divieto, sostenendo che lo strumento non sarà efficace senza la partecipazione dei paesi che possiedono armi nucleari. C'è da chiedersi, allora: se credono a quello che dicono, perché si oppongono così fermamente al Trattato? Forse gli riconoscono il potere di contribuire alla stigmatizzazione del loro principale strumento di potere.

L’NPR afferma che il Trattato sul divieto "è alimentato da aspettative del tutto irrealistiche sull'eliminazione degli arsenali nucleari, senza la necessaria trasformazione dell'ambiente di sicurezza internazionale". Il fatto che sia persino menzionato nell'NPR ne riconosce la rilevanza.

I sostenitori del Trattato sul divieto non concordano con l'idea che l'eliminazione degli arsenali nucleari abbia bisogno di una "trasformazione preliminare dell'ambiente di sicurezza internazionale". Al contrario, pensano che l'eliminazione delle armi nucleari sarebbe una "trasformazione" positiva della sicurezza internazionale.

È chiaro che il trattato sul divieto non garantirà immediatamente l'eliminazione delle armi nucleari, tuttavia, non è realistico cercare di realizzare un mondo senza armi nucleari prima dell'istituzione legale del loro divieto. Una norma internazionale sulla proibizione delle armi nucleari è un passo necessario "verso la loro totale eliminazione".

Dovremmo considerare una lezione dal Trattato di Tlatelolco, nelle parole di Alfonso García Robles (Premio Nobel per la Pace 1982), il suo capo negoziatore: "Il sistema adottato nello strumento latinoamericano dimostra che, sebbene nessuno Stato possa obbligare un altro a unirsi a tale zona, nessuno può impedire ad altri che lo desiderino di aderire a un regime di totale assenza di armi nucleari nei propri territori". [IDN-InDepthNews - 17 febbraio 2018]